Posts Tagged natura morta

INVERNO

Inverno 2015.

L’incedere delle stagioni è un accadimento ciclico, costante e perenne, che, anche nell’accezione in cui “non ci sono più le mezze stagioni”, prevede sempre la presenza dell’inverno.

L’inverno è uno di quei momenti in cui l’attività di un fotografo, muta, non diminuisce o aumenta, ma semplicemente muta [non potrebbe diminuire perchè fotografare è una necessità prima ancora che un mestiere, per me], cambia di luogo prediletto, rimanendo sempre di più all’interno di quattro mura, che esse siano solite o insolte.

Ci si rinchiude alla ricerca di caldo e di luce, necessità primordiali dell’essere umano, e si riduce lo spazio di osservazione ma si aumenta la profondità dello sguardo, dell’osservare e si scatta meno ma con più attenzione [sempre se si riesce a uscire dal torpore impigrente della ricerca di un caldo dato dall’avvolgimento in un plaid], si mette in posa con più lentezza e si creano forme più precise, una cura maggiore della luce, data probabilmente dall’assenza di quella naturale, e si diventa più osservatori e meno passionali.

Precisi, attenti, distaccati, compositivi.

Si prendono oggetti e li si accosta, si prova donargli una nuova vita, anche se alla fine è sempre una costruzione di natura morta.