Posts Tagged portrait

FAME DI PRIMAVERA

Ho una gran voglia di realizzare ritratti, ho una gran voglia che arrivi la primavera.

Ho unito le due cose, l’ho fatto con il magnifico e prezioso contributo di Maria Chiara e Francesca, grandiose fomentatrici di idee fotografiche.

Il racconto si racchiude e si schiude al tempo stesso in un simbolo: il petalo, essenza della primavera, parte unitaria della manifestazione della stessa, l’ho fatto senza cercare nessun appiglio con il tormentone del petaloso, l’ho fatto senza rimandi dichiarati alla discussione sulla legge Cirinnà, l’ho fatto semplicemente alla ricerca di un ritratto che mostrasse bellezza e ironia, un gioco tra idea, primavera, fotografia e ritratto.

Aspetto la primavera perchè ne ho bisogno, anzi, fame!

CONFRONTO CON IL RITRATTO

Sono iniziate le lezioni del mio CORSO AVANZATO DI RITRATTO E AUTORITRATTO, un corso un po’ diverso dagli altri che propongo [base e intermedio], un corso che focalizzando il tema, richiede un entrare più approfonditamente in tematiche care alla fotografia.

Il ritratto e l’autoritratto: un modo di utilizzare la macchina fotografica come strumento di indagine e scoperta verso l’essere umano, indifferentemente dal fatto che si rivolga la macchina verso noi stessi o verso gli altri. Sempre indagine, sempre scoperta.

E’ fondamentale la volontà di mettersi in gioco per affrontare questo corso: azione che faccio [e continuerò a fare] da quando ho elebaorato la consapevolezza che la fotografia è la mia forma di espressione.

Guardare, studiare e omaggiare [non è copiare] i fotografi che hanno fatto e fanno la storia della fotografia è sempre motivo di crescita, e sfrutto questa regola nei miei corsi.

In questo, in particolar modo, ho chiesto a tutti i partecipanti, me compreso, di cercare e studiare un autoritratto e di riproporlo come ritratto.

Ho preso questo autoritratto di Richard Avedon, autoritratto probabilmente realizzato come scatto di prova sul set, come test luci/inquadratura etc e l’ho mostrato ad Alessia per riprodurlo.

Il risultato è questo.