Posts Tagged milano

EXPO 2015

Un mese fa, per lavoro, ho avuto l’occasione di visitare [parzialmente] il luogo simbolo di questo 2015: l’area EXPO 2015 a Milano.

Premetto che è sicuramente una visita da fare, un’occasione da cogliere, per andare a visitare una parte tematica di mondo, per osservare, incuriosirsi e anche conoscere.

Una moltitudine di architetture e quindi di forme e colori, oltre che di cibi e divertissement, da vedere e scoprire, tenuto conto poi, che in Italia, si costruisce così poca architettura contemporanea è un’occasione unica per un italiano abituato a viaggiare poco per entrare in contatto con una concezione dello spazio differente rispetto a quello solito delle nostre città.

Invito tutti ad andare a visitare e rimanere anche a bocca aperta, davanti a tanti cibi ed a tanti padiglioni “WOW”!

C’è però una cosa che mi fa porre interrogativi ed anche un po’ arrabbiare: cosa resterà di questo luogo di architetture temporanee?

Da quello che sento, leggo, parlo, tutto dovrebbe essere smontato, smaltito, bonificato e l’area rimarrà quella che era fino a un paio di anni fa: niente in mezzo al poco.

La realtà è che probabilmente le nazioni capaci di avere un budget sufficiente per smontare, bonificare e magari ricostruire in suolo natio il padiglione, saranno davvero pochissime e quindi quest’area immensa diventerà l’ennesima area abbandonata [che tra 5 anni tutti noi andremo a fotografare].

Ecco, trovo essere questa l’ennesima occasione persa dall’Italia [ma in giro per il mondo di ex aree expo abbandonate ce ne sono a bizzeffe] che tanti soldi pubblici e privati ha investito per costruire infrastrutture fino a questa zona fieristica [a Rho c’è anche la fiera di Milano], che ha reso disponibile e agibile un’area vastissima e ha alzato padiglioni che, pensati per durare, si sarebbero potuti riconvertire ad uffici, servizi pubblici e privati, grandi strutture, eventi etc all’interno di architetture contemporanee e interessanti, magari capaci di stimolare la creatività di architetti, urbanisti, progettisti e, perchè no, pure di geometri nel rendere le nostre periferie più belle, abitabili, stimolanti invece di avere un’ennesima “periferia, il posto più brutto che ci sia”.

Andate a cogliere il bello di quest’area, finchè ce n’è!